lunedì 4 giugno 2018

Fake news Canarie: La falsa notizia della megaeruzione del Teide



In questi ultimi tempi, soprattutto per per motivi politici, si parla spesso di fake news, notizie false. E, i mezzi d’informazione classici e al servzio del potere, lasciano spesso intravedere che il problema delle notizie false stia soprattutto nei blog indipendenti e nei siti di controinformazione. Ma non è così.

L’esempio viene direttamente dal Regno Unito, dove il Daily Mail, il Sun, Newsweek ed Express, alcuni dei principali quotidiani inglesi, hanno pubblicato nei mesi scorsi la falsa notizia di una probabile megaeruzione del Teide, il vulcano di Tenerife, quando gli esperti sismologi affermano tutti insieme che non esiste assolutamente questa possibilità. E la stupidità dei giornalisti inglesi non si ferma qui. Infatti, gli articoli in cui parlano della porbabile megaeruzione del Teide includono un fotografia che ritrae sí una megaeruzione, ma è quella del vulcano Kilauea, alle Hawaii, a più di 20.000 km di distanza dalle Canarie.

Tutto nasce dal fatto che negli ultimi anni i sismografi hanno registrato alcune serie di microterremoti tanto sull’isola di Tenerife come nel resto dell’arcipelago. E, tutto sommato, come fanno notare gli esperti, si tratta di qualcosa di assolutamente normale in un teritorio come quello delle isole Canarie, dove i vulcani attivi sono almeno quattro: il Teide a Tenerife, uno a Lanzarote, un’altro a La Palma e quello sottomarino di El Hierro.

Dopo tutto, anche la penisola italiana non è per nulla estranea a questo fenomeno. Infatti, l’Etna in Sicilia, lo Stromboli e il Vesuvio, sono anzi più attivi di quelli delle Canarie. Tuttavia, nessun quotidiano inglese si è mai sognato di pubblicare che il turismo inglese in Italia è a rischio a causa di una potenziale megaeruzione di uno di questi vulcani.

Ma sempre a proposito delle fake news pubblicate dagli inglesi, gli scienziati di IVOLCAN (Istituto Vulcanologico delle Canarie) insieme all’Istituto Geografico Nazionale Spagnolo, affermano che questa è una battaglia aperta da molti anni, quella contro gli pseudo-scienziati e alcuni giornalisti d’assalto, che li accuserebbero di occultare informazioni.

I resposnabili di IVOLCAN affermano che lo sciame sismico che si è prodotto in questi ultimi mesi è assolutamente normale, e di bassissima intensità, e non significa assolutamente che si stia preparando una eruzione di grande portata. Inoltre, questi studiosi dichiarano che i loro archivi sono aperti al pubblico e liberamente consultabili da chiunque. Ma naturalmente, chi vive di notizie sensazionali, o è pagato dalle lobby che vorrebbero spostare il flusso turistico delle Canarie verso altri lidi, non vuole sentire ragioni.

In ogni caso, se vi capita di leggere o sentire di un potenziale rischio vulcanico alle Canarie ricordate che, se l’annuncio non arriva direttamente dagli esperti sul territorio, è molto probabile che si tratti di una notizia falsa.

Fonte: El País

4 giugno 2018

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Fake news Canarie: La falsa notizia della megaeruzione del Teide
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...