giovedì 12 marzo 2015

Acquistare casa alle Canarie o altrove nel mondo



Sono passati 7 anni dall’esplosione della crisi economica del 2008 che ha causato la caduta dei prezzi degli immobili in molti paesi occidentali. E tutt’ora il mercato immobiliare in molti paesi fatica a stabilizzarsi, probabilmente a causa della troppa speculazione e dei prezzi ancora piuttosto gonfiati.

Tuttavia, la maggioranza delle persone continua a ripetere il solito mantra, e cioè che: il mattone resta sempre il miglior investimento. Io non sono particolarmente d’accordo, anche se coincido sul fatto che gli immobili rappresentano un buon investimento qualora si rispettino almeno due fattori: 1. Acquistare in un mercato nel quale i prezzi hanno toccato fondo e possono solo salire e, 2. Acquistare immobili piccoli da utilizzare personalmente con l’intenzione di rivenderli quando i prezzi sono risaliti anche solo di poco.

A questo proposito, come già anticipavo in un post precedente, nelle isole Canarie il settore immobiliare sembra essere decisamente in ripresa. Dopo vari anni di caduta libera dei prezzi, finalmente sembra che il fondo sia stato raggiunto nel corso del 2013. Le statistiche locali e nazionali, parlano infatti di un deciso incremento nel numero degli immobili venduti (soprattutto a clienti stranieri) e come conseguenza, ci sarebbe stato anche un timido innalzamento dei prezzi.

Tradotto in un linguaggio commerciale, chi fosse interessato ad acquistare casa alle Canarie farebbe bene ad affrettarsi perché presto potrebbe essere tardi. Tardi per fare un buon affare s’intende.

Acquistare casa all’estero nel mondo


Siccome il mondo è un enorme mercato ormai globalizzato da tempo, che ci piaccia o meno, le opportunità di investire in immobili all’estero sono sempre numerose. Ad ogni modo, se non si conosce approfonditamente la realtà economica del paese nel quale si desidera investire, sarebbe meglio prendersi un poco di tempo per conoscere meglio l’andamento del mercato locale degli immobili.

A questo proposito, diversi istituti internazionali si occupano di fare delle statistiche più o meno indipendenti che ci aiutano a identificare quali possano essere di volta in volta i paesi più interessanti nei quali acquistare una proprietà immobiliare.

Questa volta utilizzerò una statistica realizzata dalla Bank of Nova Scotia e pubblicata a ottobre del 2014.
Senza perderci tropo nei dettagli, la classifica inclusa nel rapporto della Scotiabank identifica i paesi nei quali i prezzi degli immobili sono cresciuti maggiormente negli ultimi anni e quelli in cui sono cresciuti meno. Grazie a questo prospetto, si capisce subito che dove i prezzi sono cresciuti di più si sconsiglia di investire dato che potrebbe verificarsi una caduta degli stessi che sembrano essere piuttosto gonfiati rispetto ai prezzi reali del mercato, mentre può essere interessante investire nei paesi dove la crescita è stata minima o addirittura dove i prezzi sono caduti in modo decisivo.

I paesi nei quali i prezzi degli immobili sono cresciuti maggiormente e dove potrebbe essersi generata una bolla speculativa che subirà una probabile correzione sono i seguenti:

Perù
Irlanda
Colombia
Cina
Australia
Regno Unito
Svezia
Canada

In questi paesi si sconsiglia di investire in proprietà immobiliari.
Al contrario, i paesi nei quali gli immobili sono cresciuti meno e quindi si ritengono regolati da un mercato sano e affidabile nel quale si può investire ma senza particolari pretese sono:

Cile
Brasile
Stati Uniti
Tailandia
Svizzera
Messico
Indonesia

Infine, troviamo quei paesi nei quali i prezzi degli immobili sono caduti in modo decisivo negli ultimi anni:

Corea del Sud
Francia
Giappone
Spagna
Italia
India
Russia

In questo ultimo gruppo spiccano i due paesi nei quali si è registrato il più netto abbassamento dei prezzi del mattone negli ultimi anni: Spagna e Italia. In questi due paesi è giunto ora il momento di acquistare e non di vendere.

12 marzo 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Acquistare casa alle Canarie o altrove nel mondo
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...