venerdì 30 giugno 2017

Vuoi vivere 110 anni? Trasferisciti a vivere in uno di questi luoghi

trasferirsi all'estero

La penisola di Nicoya nella Costa Rica è, insieme a Okinawa in Giappone, la Sardegna in Italia, Icaria in Grecia e Loma Linda in California, uno dei pochi luoghi al mondo in cui si trova la più alta concentrazione di ultracentenari del mondo.

È comprensibile quindi, che molti studiosi si interessino di analizzare le condizioni di vita dei locali, la genetica degli stessi e le condizioni ambientali di questi luoghi, per stabilire se esistono alcuni fattori comuni che promuovano la longevità qui piuttosto che altrove.

Questi cinque territori sono considerati “zone blu”, cioè, dove il numero di ultracentenari è il doppio che altrove. E il dato ancor più interessante, è che non solo qui le persone hanno una aspettativa di vita più lunga, ma spesso arrivano a superare il secolo di vita in buone condizioni psicofisiche, come dimostra il caso di José Bonifacio Villegas Fonseca, detto Pachito e residente nella penisola di Nicoya, Costa Rica, che ha fatto il cowboy per tutta la vita e ancora oggi, dopo aver compiuto i cento anni, tutte le mattine sale sul suo cavallo e fa il giro del vicinato per andare a salutare i vicini!

Inoltre, che il fenomeno sia esteso lo dimostra anche il fatto che anche i figli di questi arzilli vecchietti sono loro stessi entrati nella terza età ma non dimostrano per nulla gli anni che hanno. È il caso della figlia di un uomo che ha 108 anni ed è in ottima salute sia fisica che mentale, che con i suoi 70 anni ne dimostra 50 e il nipote che ne ha 58 ne dimostra forse, a malapena, 40.

Tutti a Nicoya ricordano Panchita, una costaricana di origini cubane, che morì poco tempo fa all’età di 110 anni e che fino all’età di 108, dicono, ballava meglio di una ragazzina.

Innumerevoli studi non hanno tuttora dimostrato quali siano i fattori determinanti della longevità di queste persone, anche se viene spontaneo pensare che si tratti di un insieme di cose. Una dieta sana fatta soprattutto di alimenti come riso, fagioli, verdura e frutta. Molta attività fisica, costante anche nella terza età, e una buona rete sociale di appoggio. Infine, anche il clima secco della penisola di Nicoya sembra fare la sua parte, dato che protegge dall’insorgere di malttie infettive e respiratorie.

Insomma, se desiderate avere più possibilità di arrivare ai 110 anni d’età in buona salute allora potete scegliere di trasferirvi a vivere nella Costa Rica, nella penisola di Nicoya.

Fonte: El País

30 giugno 2017

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Vuoi vivere 110 anni? Trasferisciti a vivere in uno di questi luoghi
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...