venerdì 6 gennaio 2017

Il Canada lancia il suo progetto di reddito universale

notizie

Le società industrializzate non sono mai state così ricche in termini materiali come lo sono oggi. Nonostante ciò, non tutte le persone hanno accesso ai beni di prima necessità: alloggio, cibo sano, abbigliamento, energia e acqua potabile, istruzione, sanità, cultura, informazione e sicurezza. Questa situazione spesso si deteriora ulteriormente a causa dei piani di austerità attuati dai governi.

Già nel 1792 il filosofo, politico e rivoluzionario americano Thomas Paine disse: "senza un minimo di risorse, il nuovo cittadino non può vivere pienamente i principi repubblicani di libertà, uguaglianza e fraternità". Nella sua opera: “I diritti dell'uomo e la giudtizia Agraria” ritiene che per raggiungere la piena democrazia si doveva abbandonare le miserie della civiltà e stabilire una tassa progressiva che limiterebbe i beni che ogni membro della società può possedere, consentendo allo Stato di avere le risorse necessarie per aiutare i più poveri.

Il filosofo spiegava che sacralizzando la proprietà privata e trasformandola in diritto umano fondamentale, l'uomo ha perso il suo patrimonio naturale che è la terra. Il sussidio (redddito universale) rappresenterebbe un risarcimento per la perdita subita. Il reddito minimo garantito mira a garantire la sicurezza per tutti, così come creare le condizioni necessarie perché i cittadini possano assolvere i loro obblighi e godere dei diritti. Inoltre, l'autore sostiene che la povertà non è una condizione naturale dell'umanità ma, al contrario, è creata da uno squilibrio dell'ordine naturale causato dai monopoli per la proprietà della terra e dai progressi tecnologici che aumentano la ricchezza di pochi in modo esponenziale.

Il reddito di base in Canada


Detto questo, che cosa hanno intenzione di fare i canadesi? Nella provincia canadese dell'Ontario stanno sviluppando un progetto pilota con l'obiettivo di fornire ai cittadini un reddito di base universale di 920 euro al mese, secondo quanto pubblicano il Toronto Star e The Independent.

Il progetto sarà testato in tre diverse aree con alti livelli di povertà e insicurezza alimentare nel nord, nel sud della provincia e nella comunità indigena dell’Ontario. Per ricevere il reddito universale di base sono sufficienti tre requisiti: avere un’età compresa tra 18 e 65 anni, essere cittadino canadese e risiedere nella provincia dell'Ontario. Le persone che hanno un qualche tipo di disabilità riceveranno un’integrazione aggiuntiva mensile di 348 euro.

"Mentre l'economia dell'Ontario cresce, il governo deve impegnarsi a non lasciare nessuno indietro", dice il rappresentante del governo provinciale.

Il progetto pilota per l’introduzione del reddito universale in Canada inizierà nella primavera del 2017. Se i risultati saranno positivi è probabile che si diffonda nel resto del paese; i rappresentanti delle province di Quebec e Alberta hanno approvato anche loro l'iniziativa, così come il partito liberale.

Fonte: Muhimu

6 gennaio 2017

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Il Canada lancia il suo progetto di reddito universale
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...