lunedì 16 gennaio 2017

La Costa Rica inizia il 2017 con un record di arrivi

Costa Rica

In meno di due decenni, la Costa Rica ha triplicato il numero di turisti che riceve ogni anno arrivando ai quasi tre milioni di fine 2016. Se si inizia a contare dal 2004, quando per la prima volta nel paese centroamericano arrivarono 1,5 milioni di visitatori, il numero è addirittura quasi raddoppiato.

Alla fine del mese di settembre 2016, l’Istituto Costaricano del Turismo (ICT) ha calcolato che erano entrate nel paese 2,25 milioni di persone. Ciò significa il 12,46% in più rispetto ai primi nove mesi del 2015. Questo significa che la Costa Rica ha ricevuto quasi 3 milioni di visitatori stranieri nel 2016 e se la tendenza continua, quest’anno potrebbe addirittura raggiungere e superare tale cifra.

Anche se i dati ufficiali di ottobre, novembre e dicembre, non sono ancora disponibili, ci sono valide ragioni per sostenere che il paese avrebbe ricevuto oltre 2,9 milioni di visitatori durante il 2016, secondo il calcolo fatto dal quotidiano La Nación, che in modo pessimistico ha ritenuto validi i dati degli arrivi relativi all'ultimo trimestre del 2015 anche per il 2016. In questo quadro la cifra di 3 milioni di turisti potrebbe essere improbabile ma non imposisbile.

"Tutto indica che è stato davvero un buon anno per la Costa Rica, con una crescita superiore alla media", ha detto il ministro del Turismo, Mauricio Ventura. Per i primi nove mesi del 2016, l'Organizzazione Mondiale del Turismo ha stimato un incremento globale del 4% nel numero di turisti internazionali, rispetto all'anno precedente. Nel caso della Costa Rica il dato era del 12,46%.

Ma gli indicatori positivi costituiscono una sfida per il paese


Uno studio pubblicato nel mese di aprile dall’Istituto Centroamericano per l’Amministrazione d’Impresa (INCAE) ha evidenziato la stagionalità e la necessità di attrarre visitatori con un profilo più alto come parte delle sfide per il paese. Per esempio, mentre nel 1999 la spesa media di un turista si avvicinava ai 1.064 dollari, nel 2013 questa cifra era aumentata di un solo dollaro.

Inoltre, la Costa Rica mantiene una tendenza legata alla stagionalità. Nel mese di settembre 2016, il paese ha ricevuto la metà di turisti rispetto a quelli registrati nel mese di gennaio, una sfida per l'industria del turismo locale.

A questo proposito il settore alberghiero avanza alcune proposte. Gustavo Araya, presidente della Camára de Hoteles, ritiene che la "bassa stagione", caratterizzata dalle pioggie torrenziali, sia in realtà una "stagione verde" ad alto potenziale per l'eco-turismo.

Da parte sua, il ministro Ventura coincide con altre proposte del settore alberghiero: il turismo d'affari ei convegni. "Casualmente, si generano nella nostra bassa stagione", dice il dirigente dell’ICT, che crede che il potere d'acquisto di questo tipo di visitatore potrebbe incrementare la spesa media del turista straniero.

Un tetto al turismo? Nel frattempo, i visitatori che scelgono la Costa Rica sono in aumento, con una crescita annuale media del 6,3% partendo dal 2000. Il paese dovrebbe stabilire un tetto massimo al numero di turisti che si aspetta di ricevere?

"Al momento non è un problema che viene preso in considerazione", dice Ventura. "In futuro abbiamo intenzione di preoccuparci di quanti visitatori può ricevere il paese senza danneggiare il prodotto turistico locale (eco-turismo), ma per il momento abbiamo ancora molto potenziale di crescita", afferma sempre Ventura.

Inoltre, in un solo decennio si potrebbero avere più visitatori annuali che abitanti. Il Centro Centroamericano della Popolazione stima che entro il 2027 la popolazione sarà di 5,4 milioni di persone rispetto ai 5,53 milioni di visitatori stranieri, se continua a questo ritmo di crescita.

Fonte: La Nación

16 gennaio 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

La Costa Rica inizia il 2017 con un record di arrivi
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...