venerdì 21 ottobre 2016

Arriva la pillola che allunga la vita, forse

superpillola anti-invecchiamento

In questi giorni negli Stati Uniti si è iniziato a commercializzare quella che molti chiamano già la superpillola. Si tratta di una pillola che promette integrare l’alimentazione, riparare il danno cellulare e prevenire le malattie tipiche della terza età. Insomma, in poche parole, sarebbe una pillola che rallenta l’invecchiamento.

Il responsabile di questa creazione è Leonard Guarente, che lungi dall’essere un ciarlatano, è il presidente del Center of Science for Aging Research del MIT (Massacchussetts Institute of Technology). Guarente è anche il responsabile della scoperta dei benefici del resveratrolo, il famoso e potente antiossidante che si troverebbe nell’uva nera e quindi anche nel vino.

Purtroppo però, il resveratrolo è entrato subito in commercio, acclamato universalmente come “molecola dell’eterna giovinezza”, quando ancora non si erano effettuati studi sull’essere umano. Quindi, tutti i presunti benefici dello stesso erano ispirati solo dagli esperimenti fatti sulle cavie da laboratorio. Inoltre, diversi laboratori nel mondo non sono stati in grado di replicare gli esperimenti che hanno portato Guarente a coronare il resveratrolo come il re degli antiossidanti. E proprio per questo motivo molti accademici storcono il naso davanti a questa nuova avventura intrapresa dal Dr. del MIT.

Tuttavia, la cosiddetta “superpillola” è già in commercio negli Stati Uniti, al prezzo di 50 dollari per una confezione di 60 pillole (sufficiente per un mese). Naturalmente, lo stesso Guarente fa uso di questa pillola da almeno due anni e, tra coloro che hanno scelto di provarla, alcuni affermano di aver apprezzato una crescita più veloce di unghie e capelli oltre ad avere la pelle più morbida e godere di un sonno profondo ogni notte. Ma potrebbe trattarsi benissimo di un effetto placebo...

Chi ha deciso di analizzare in modo indipendente il contenuto della superpillola afferma che si tratterebbe solo di un integratore vitaminico piuttosto completo. Qualcuno ha anche azzardato la battuta: “contiene poco più delle vitamine e antiossidanti di una banana, solo che costa molto di più...”

La ricerca dell’elisir di lunga vita


Da sempre l’uomo cerca in tutti i modi di allungare la vita biologica del suo corpo, ma negli ultimi anni questa ricerca è divenuta quasi ossessiva. Basti pensare che aziende come Google hanno investito miliardi creando aziende specifiche solo a questo scopo, come Calico.

Ma a volte, le sostanze che potrebbero allungare la nostra vita potrebbero nascondersi in medicinali di uso quotidiano. È il caso dell’aspirina o della metformina. Quest’ultima in particolare, è un medicinale usato da sempre da chi soffre di diabete e somministrato alle cavie, ha dimostrato di allungarne la vita del 20%. Se questo effetto fosse estrapolabile agli umani significherebbe arrivare a compire i 140 anni di età.

E dal fronte della ricerca fanno sapere che finalmente è partito il primo studio clinico sugli effetti della metformina sugli umani con lo scopo di vedere se aiuta davvero l’organismo a combattere gli effetti dell’invecchiamento.

Fonte: El País

Fonte: Elysium Health

Fonte: NYT


21 ottobre 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Arriva la pillola che allunga la vita, forse
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...