martedì 20 settembre 2016

Vivere alle Canarie e cucinare con l’acqua del mare

acqua di mare in cucina

Se vivete alle Canarie avrete sicuramente avuto l’opportunità di conoscere alcuni dei piatti tipici locali, tra i quali le famose papas arrugadas (patate cotte con la pelle nell’acqua salata) e il mojo picón, la salsa piccante con cui vengono condite.

Ma forse molti di voi non sanno quale sia stata l’origine di questo piatto. Ebbene, dovete sapere che molti secoli fa, quando i pescatori locali delle Canarie si trovavano a passare molto tempo in mare in attesa dei banchi di pesce, erano spesso costretti a cucinare il loro cibo a bordo, e dato che l’acqua potabile scarseggiava, scelsero di cucinare le piccole patate dolci delle Canarie direttamente nell’acqua di mare senza neppure pelarle.

Così nacquero le famose papas arrugadas (attenzione: in castigliano la patata si chiama patata, proprio come in italiano; papa, plurale papas, è una delle tante parole gergali utilizzate alle Canarie e in America Latina ma che non sono riconosciute dall’accademia della lingua spagnola).

E per darvi ancora più sapore si aggiunse il mojo picón, un’altra delle delizie della cucina delle Canarie (per chi ama i cibi piccanti). Una salsa que contiene aglio, olio, pepe di cayenna, aceto, cumino, peperoncino rosso piccante e dolce.

Tuttavia, quello che molti visitatori e residenti delle Canarie non sanno, è che da secoli gli abitanti delle isole utilizzano ampiamente l’acqua di mare nella loro cucina. Infatti, questa viene impiegata non solo per cucinare le famose papas arrugadas, ma anche il riso, per condire l’insalata e per ammorbidire le carni.

Nel caso del riso, dei legumi e del brodo, le proporzioni utilizzate sono: due parti di acqua di mare combinata con cinque prti di acqua dolce. Per condire l’insalata si utilizza un polverizzatore per spruzzare l’acqua di mare sulla verdura, mentre che per ammorbidere la carne la si lascia macerare per alcune ore nell’acqua di mare pura.

Naturalmente, la maggior parte di noi penserà che l’acqua di mare apporti solo molto sale alla cucina, invece non è così. Infatti, e stato dimostrato che oltre a dargli sapore, l’acqua di mare contiene sali minerali e diversi nutrienti che arricchiscono gli alimenti anche dal punto di vista nutrizionale.

Quindi, se vi trovate a vivere alle Canarie, o in una qualsiasi località di mare ovunque nel mondo, a meno di non avere la certezza che l’acqua del mare della vostra zona sia particolarmente inquinata, potete usarla tranquillamente in cucina e non solo per cucinare le papas arrugadas in stile canario.

20 settembre 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Vivere alle Canarie e cucinare con l’acqua del mare
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...