venerdì 22 luglio 2016

Vivere a Cancun non è per niente sicuro

Riviera Maya

Un po’ di tempo fa ho pubblicato un post nel quale elencavo alcuni dettagli a conferma del fatto che la Riviera Maya non è più un luogo sicuro in cui vivere, e neppure viaggiare. Oggi desidero condividere un articolo pubblicato da un giornalista messicano a giugno che ci offre alcuni spunti su cui riflettere.

Il titolo dell’articolo è il seguente: “L’insicurezza fa scattare l’allarme rosso a Cancun”.

Già dal titolo si capisce che la situazione sicurezza a Cancun non è per nulla sotto controllo. L’articolo in causa inizia con queste parole: “Quando in una conversazione si parla dell’insicurezza è silenzio assoluto (...) Si è generato un circolo vizioso nel quale le autorità negano l’evidenza di furti, sequestri, omicidi, ei cittadini vivono con la paura di essere le prossime vittime”.

Nell’esporre i fatti il giornalista fa notare come le autorità si limitino ad arrestare persone che commettono reati minori quando i crimini più eclatanti restano impuniti. Una società che desidera combattere seriamente la criminalità, dice, dovrebbe destinare almeno il 4% del PIL locale a questa lotta, mentre il municipio di Cancun destina solo l’1% del PIL alla sicurezza.

E questo è sotto gli occhi di tutti, infatti, da circa un paio di mesi ho deciso di leggere quotidianamente i siti online d’informazione locale e devo dire che la situazione è decisamente peggiore di quello che pensavo. Non passa giorno che a Cancun e nella Riviera Maya non si verifichino omicidi, esecuzioni, rapine e sequestri alla luce del giorno. Tutti i giorni vi sono almeno due o tre notizie che iniziano con la parola “sparatoria”, e la sparatoria è spesso in una piazza o vicino a lughi pubblici non precisamente nei quartieri malfamati della città.

L’articolo conclude con queste parole: “ci sono omicidi, e non si arrestano i responsabili, le autorità si scusano dicendo che non hanno elementi per identificare i colpevoli. La polizia deve cambiare strategia se non vogliamo che la zona si trasformi in un campo di battaglia”.

Alcuni mesi fa ho trovato un sito italiano nel quale una persona che dice di avere trascorso alcuni mesi a Cancun non si è sentito minimamente insicuro nella zona. Un’altri italiano che commenta in un forum dice di vivere da 13 anni a Cancun e di non avere mai avuto problemi. Sono felice per entrambi, anche se le due versioni sono semplicemente punti di vista personali.

La realtà, o almeno quella che dipinge la stampa messicana locale, non è altrettanto confortante. Così che, dal canto mio, leggendo quello che avviene in Riviera Maya ogni giorno, personalmente non consiglio a nessuno di trasferirsi a vivere a Cancun o in Riviera Maya, e neppure di andarci in vacanza. Prevenire è sempre meglio che curare...

Fonte: Sipse

23 luglio 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Vivere a Cancun non è per niente sicuro
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...