martedì 5 luglio 2016

5 alimenti per prevenire l’Alzheimer

Alzheimer

La demenza è una malattia neurodegenerativa che colpisce circa il 16% delle persone con più di 70 anni. Di questi, quasi il 50% ha l’Alzheimer, un tipo specifico di demenza che causa la perdita graduale delle diverse funzioni cognitive. Questa condizione porta ad alterazioni della memoria e della capacità di ragionare, ma colpisce anche il linguaggio, l'attenzione e le abilità visive e motorie.

Gli alimenti che aiutano a prevenire l’Alzheimer


Finora non è stato scoperto alcun trattamento per curare il morbo di Alzheimer, ma è possibile prevenirne la comparsa, in particolare attraverso la dieta. Pertanto, si raccomanda che a tavola non manchino mai alcuni alimenti.

1. Fagioli e piselli. Fagioli e piselli sono ricchi di vitamine del gruppo B, un tipo speciale di nutrienti che impedisce l’atrofia cerebrale e previene il danno neuronale proprio dell’invecchiamento. I legumi ontribuiscono inoltre a mantenere sano il sistema nervoso, bilanciano i livelli di zucchero nel sangue e aiutano a evitare i pericolosi picchi glicemici che influenzano il corretto funzionamento del cervello.

2. Agrumi. Arance, mandarini e limoni sono ricchi di vitamina C. Un potente antiossidante che contribuisce al buon funzionamento dei vasi sanguigni e ne impedisce la distruzione progressiva, proteggendo in questo modo il cervello dalla caratteristica degenerazione del morbo di Alzheimer. Questa vitamina si può trovare anche in altri alimenti, come i peperoni, i pomodori, i meloni, i broccoli, le fragole e le verdure a foglia verde.

3. Frutta secca. Gli studi hanno dimostrato che le persone con alti livelli di vitamina E corrono un rischio minore di sviluppare l’Alzheimer. Questo perché la vitamina E è un antiossidante che protegge la struttura e la funzione dei vasi sanguigni del cervello e, di conseguenza, riduce il rischio di soffrire un danno cerebrale e il deterioramento cognitivo. La vitamina E si può trovare nella frutta secca come le mandorle e le noci e nei semi di girasole e nell’avocado.

4. Pesce. Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università della California, ha scoperto che le persone che mangiano poco pesce hanno un rendimento inferiore nei test di memoria e un volume del cervello più piccolo, pari a quasi due anni di invecchiamento cerebrale. Al contrario, coloro che consumano spesso pesce come il tonno, il salmone o le sardine, godono di una migliore salute cerebrale. La ragione è data dagli omega 3, un tipo specifico di grassi che ha un effetto anti-infiammatorio e può rallentare il declino mentale.

5. Spinaci.
Negli spinaci sono contenuti almeno 15 diversi flavonoidi, un tipo di antiossidante in grado di inibire la formazione delle placche di beta-amiloide che si accumulano nel cervello delle persone con Alzheimer. Inoltre, gli spinaci contengono anche acido folico, una sostanza nutritiva che migliora la nostra capacità di elaborare le informazioni, le prestazioni mentali e la concentrazione.

Fonte: Los Medicamentos

5 luglio 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

5 alimenti per prevenire l’Alzheimer
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...