giovedì 23 giugno 2016

Allied, di Zemeckis con Brad Pitt, lascia 11 milioni di euro a Gran Canaria

Brad Pitt Allied

Da diverse settimane la troupe di Robert Zemeckis ha terminato di girare le scene di Allied a Gran Canaria e Fuerteventura, l’ultimo film ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale con Brad Pitt e Marion Cotillard.

Attori e produzione sono rientrati negli Stati Uniti ed è giunta l’ora di fare i conti di cosa ha rappresentato per Gran Canaria e Fuerteventura questa ultima esperienza cinematografica.

Innanzitutto, 11 milioni di euro entrati nelle casse dell’amministrazione locale. Questa è la cifra che, secondo quanto pubblica La Provincia, avrebbero incassato gli operatori locali, e non si tratta di poca cosa. Ma il dato più importante è che, sempre secondo quanto afferma il quotidiano locale, questa ultima esperienza cinematografica ha ottenuto di fare una pubblicità indiretta alle isole Canarie che viene quantificata in 50 milioni di euro.

Inoltre, secondo quanto afferma il Consigliere della Gran Canaria Film Commission, l’arrivo di una produzione cinematografica di questo livello rappresenta un punto di svolta nell’interesse dell’industria cinematografica internazionale rispetto alle Isole Canarie, e in particolare Gran Canaria.

Questo significa che probabilmente nel prossimo futuro ci saranno nuovi progetti di questo genere che continueranno a investire nelle isole Canarie attraverso società locali create appositamente a questo scopo.

E se avverrà che le isole Canarie si trasformeranno in uno degli sfondi privilegiati per il set di molti film hollywoodiani, ciò non rappresenterà solo una fonte importante di reddito per le isole e tutte le persone coinvolte nei lavori, ma eserciterà anche una forte attrazione a livello internazionale ottenendo che l’arcipelago si trasformi da semplice destinazione “sole e mare” per pensionati nordici a nuovo destino “must” per una parte del Jet Set internazionale.

Insomma, buone notizie forse per l’economia delle Canarie ma anche meno buone per chi preferisce che le isole restino così come sono, un po’ fuori dal mondo e lontano anni luce dal modello Ibiza-Formentera.

In effetti, no so se mi piacerebbe vivere in un isola dove è d’obbligo controllare la firma di scarpe, maglietta e orologio prima di indossarli, perchè la “fauna” umana del posto è cambiata e con essa anche gli standard di vita. Se l’arrivo di Hollywood e la Paramount sancisce il miglioramento dell’economia delle isole questo è un bene per gli abitanti del posto, ma se il cambiamento è così drastico da avere un impatto enorme su costo e stile della vita locale allora è forse meglio che tutto resti com’è ora.

Fonte: La Provincia

Fonte: La Provincia


23 giugno 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Allied, di Zemeckis con Brad Pitt, lascia 11 milioni di euro a Gran Canaria
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...