venerdì 20 maggio 2016

Pagare le tasse a Panama e nel resto del mondo

paradisi fiscali

In queste ultime settimane si è parlato tanto di Panama e dei paradisi fiscali in quella che è nullaltro che l’ennesima operazione mediatica a fini politici. Tuttavia, a seguito dei queste fuffe mediatiche nelle masse ignare si fa sempre più forte il luogo comune che a Panama e nei paradisi fiscali non si pagano tasse. Ma non è assolutamente vero!

Le tasse si pagano ovunque nel mondo, direttamente o indirettamente, semmai è il caso di dire che nei paradisi fiscali la legislazione in materia fiscale è molto più moderna e funzionale rispetto al resto del mondo, che mantiene sistemi fiscali antidiluviani. A dimostrazione di questo sono le recenti diatribe tra i big del digitale, Google, Amazon e Facebook, e le varie agenzie delle entrate.

Anche in questi casi, a parte la fuffa mediatica che ha avuto il solo scopo di far apparire l’establishment politico come l’agente forte che mette in ginocchio le multinazionali, chi si è preso il disturbo di approfondire i dettagli ha potuto constatare che le multinzazionali della rete hanno sempre pagato le tasse regolarmente e legalmente. Semmai il problema è che le persone ingnoranti che ci governano e che perdono tempo in cose inutili invece di aggiornarsi, erano tremendamente in ritardo in termini di regolamentazione dei nuovi business online. Ma questo non si può dire vero...?

Per quanto riguarda Panama avviene lo stesso. Vedete, a Panama le società pagano le tasse. Anzi, qualsiasi società che produca il suo reddito a Panama paga un aliquota fissa del 25%, di molto superiore a quella applicata da diversi paesi europei (in Irlanda è del 12,5%). Ma dov’è allora il problema?

Le società panamensi sono tenute a pagare le tasse solo sui redditi prodotti nel territorio. Se la società in causa produce un reddito fuori dal territorio panamense allora è esente dal pagamento delle tasse. Ma comunque, quando i soci della suddetta società si intascano della liquidità questa deve essere tassata secondo il rispettivo scalglione IRPEF. Così come avviene in tutto il mondo, tra l’altro!

Alle Canarie per esempio, dove viviamo noi, siamo in Europa. Tuttavia, grazie ad agevolazioni fiscali che hanno lo scopo di aiutare l’economia delle isole, una società che investa denaro e assuma personale può avere accesso al consorzio ZEC e grazie a questo pagare un aliquota IRPEF fissa del 4% all’anno. Ma quando i soci della società prelevano denaro dal conto dell’impresa, questi sono soggetti agli stessi scaglioni IRPEF del resto della Spagna.

Ma il problema di Panama direte voi, dopo aver sentito le balle mediatiche del momento, è che il paese garantisce l’anonimato di chi apre società e conti offshore sul suo territorio, così da facilitare l’evasione e il riciclaggio. Vero, ma è quanto fanno quasi tutti i paesi del mondo, chi più chi meno.

Il primo della lista sono gli USA. Infatti, secondo la famosa legge due pesi e due misure, gli Stati Uniti obbligano tutti i paesi del mondo a comunicargli le informazioni relative a cittadini USA che hanno conti e società nel loro territorio, ma loro non fanno lo stesso in merito ai cittadini stranieri che hanno aperto conti e società in alcuni stati degli USA!

Infine, qualcuno che non mastica nulla di finanza a livello globale potrebbe obiettare che chiunque vive in un paese deve pagare tutte le tasse di quel paese come tutti gli altri. Neppure questo è vero, e non avviene neppure in Italia e Francia, i due paesi con la tassazione più alta in Europa e forse del mondo. Infatti, chiunque in Italia ha fatto un a fattura ad un cliente estero sa che su questa non si applica l’IVA. Questo avviene perchè è corretto sgravare tutto il flusso di denaro che dall’estero entra nel paese, perchè genera ricchezza. Chi invece riceve pagamenti solo da clienti nazionali applica l’IVA, perchè in pratica si limita a far girare sempre la stessa quantità di denaro sul territorio.

Insomma, se state pensando di trasferirvi a vivere a Panama state pure tranquilli che le cose non cambieranno nei prossimi mesi o anni. Panama resterà ancora una delle destinazioni più interessanti di tutto il panorama americano e da quelle parti si continuerà a pagare le tasse in modo equo e moderno. Semmai, sarà da queste parti che dovremo prepararci ad affrontare cambiamenti epocali.

Dopo tutto, la storia insegna che tutte le società complesse sono spesso collassate sotto il peso della corruzzione e delle troppe tasse che hanno finito per soffocare la vita sociale. Basti leggere alcune righe che ricordano i livelli di tassazione e la corruzione presenti nell’impero romano decadente. Meditare gente...

20 maggio 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Pagare le tasse a Panama e nel resto del mondo
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...