giovedì 7 aprile 2016

Vivere alle Canarie con la calima

isole Canarie

Chi vive alle Canarie sa che durante l’anno le isole sono soggette all’arrivo della calima dal vicino continente africano. La calima è la polvere in sospesione portata dal vento dell'est procedente dal deserto del Sahara e in alcuni casi è così intensa da limitare la visibilità a pochi metri.

Negli ultimi anni la calima si è particolarmente intensificata. Se fino a poco tempo fa erano due o tre all’anno gli episodi di calima nelle isole Canarie, oggi sono piuttosto regolari e ben più numerosi. Da almeno due anni a questa parte capita di trovarsi avvolti in una cappa di polvere rossa anche un paio di volte al mese. E la situazione è particolarmente fastidiosa soprattutto nelle isole orientali di Fuerteventura e Lanzarote, le più vicine alle coste africane.

Ma la calima è dannosa?


Pare proprio di sì. Infatti, negli ultimi mesi il quotidiano La Provincia ha pubblicato un articolo nel quale cita l’opinione di alcuni esperti che parlando della calima confermano che questa oltre alla polvere rossa proveniente dal deserto del Sahara e dalla vicina Mauritania, contiene anche oltre 150 diversi batteri patogeni, che possono anche generare infezioni e malattie.

Il problema è ancora più serio se le zone da cui parte la calima sono interessate da qualche genere d’infezione o piaga, perchè il vento le trasporta con se insieme alla polvere.

Ma perchè negli ultimi anni la calima si è intensificata alle Canarie?


A rispondere a questa domanda interviene l’Osservatorio Atmosferico di Izaña, a Tenerife. Gli esperti del clima infatti, affermano che a partire dagli anni 80 del secolo scorso il famoso anticiclone delle Azzorre, il fenomeno atmosferico di alta pressione che determina le condizioni atmosferiche in Europa, si è spostato progressivamente verso est.

Questo spostamento ha fatto sì che soprattutto in inverno si incrementi la frequenza e l’intensità dei venti di provenienza africana nell’emisfero nord dell’Oceano Atlantico, proprio la zona nella quale si trovano le isole Canarie. E sono proprio questi venti che trasportano la polvere in sospensione dal vicino deserto.

Insomma, se avete deciso di trasferirvi a vivere alle Canarie dovete rassegnarvi a convivere con la calima, il vento e i batteri provenienti dal vicino deserto. Ma vi posso assicurare che non è poi così grave, c’è di peggio al mondo.

Fonte: La Provincia

7 aprile 2016

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Vivere alle Canarie con la calima
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...