mercoledì 29 luglio 2015

Abbigliamento intelligente di nuova generazione

Foto di Engadget
Chi è appassionato di motociclismo e non può fare a meno di utilizzare le due ruote anche d’inverno, sa che esiste una linea di capi d’abbigliamento riscaldati che permettono di mantenersi caldi anche dopo molte ore trascorse all'aperto in inverno.

Si tratta soprattutto di guanti, giacche, pantaloni e calze, che proprio come la vecchia e classica coperta elettrica, contengono una resistenza che collegata ad una batteria permette di mantenersi caldi in inverno anche senza fare molta attività fisica. Ma si tratta soprattutto di capi d’abbigliamento piuttosto pesanti, dato che devono supportare la rete di resistenze che permettono il riscaldamento.

Ora, grazie al progresso nel campo delle nanotecnologie, è stato possibile realizzare dei tessuti intelligenti capaci di regolare la temperature corporea che non necessitano di dimensioni esagerate, così che possono essere utilizzati nei capi d’abbigliamento comuni che si utilizzano in ogni stagione.

I ricercatori dell’Università di San Diego, nel sud della California, hanno infatti messo a punto un tessuto intelligente che è in grado di mantenere la temperatura corporea entro certi limiti. Il nome del progetto è ATTACH (Adaptative Textiles Technology with Active Cooling and Heating), ed è concepito per funzionare soprattutto in interni a temperature comprese tra 19 e 26 gradi.

Questo tipo di tessuto funziona fondamentalmente cambiando autonomamente spessore e porosità rispetto alla temperatura ambientale esterna, quindi non prevede consumo di energia, ma è anche predisposto per essere utilizzato con fonti di energia esterne per potenziarne le prestazioni. Il dato interessante è che questo tessuto intelligente permette di riscaldare ma anche di raffreddare il corpo, funzionando così anche come “condizionatore indossabile”.

Il secondo tessuto di questo genere è stato prodotto da alcuni ricercatori sudcoreani, i quali hanno realizzato una finissima maglia a base di nano conduttori, che può essere utilizzata a fini terapeutici per riscaldare una determinata zona del corpo che abbia subito un infortunio, ma anche per produrre dei capi d’abbigliamento riscaldati.

La peculiarità di questa maglia di nano conduttori è che essendo così sottile può venire impiegata anche nella confezione di capi d’abbigliamento riscaldati che non devono necessariamente essere pesanti. Grazie a questa nuova tecnologia sarà quindi possibile produrre anche delle camicie riscaldate.

Fonte: Engadget



29 luglio 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Abbigliamento intelligente di nuova generazione
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...