martedì 16 giugno 2015

Un algoritmo che calcola le calorie di un piatto



Se siete tra quelli che hanno l’abitudine di fotografare con il telefonino ogni piatto che vi portano al ristorante, allora, dovete sapere che da questo momento questa abitudine potrebbe anche avere un’altra utilità. Infatti, Kevin Murphy, uno de ricercatori che lavorano presso Google, ha messo a punto un algoritmo chiamato Im2Calories, che è in grado di calcolare, secondo lui, le calorie di un determinato piatto o gruppo di alimenti che appaiono in una fotografia.

Quello che sembra essere un compito facile in realtà non è così semplice. Dopo tutto, individuare un uovo in una fotografia non è così complicato ma determinarne le dimensioni e tutt’altra cosa. L’algoritmo in causa è in grado di stimare le dimensioni di un alimento confrontandolo con quelle del piatto in cui si trova o di alcuni condimenti che può includere l’immagine. Inoltre, per farlo non si necessita di immagini ad alta risoluzione, sono sufficienti quelle pubblicate in Instagram.

L’algoritmo è anche dotato di “deep learning”, cioè un sistema attraverso il quale l’utente potrà modificare nel corso del tempo i calcoli che vengono fatti. Se per esempio l’algoritmo identifica un alimento errato, o sbaglia la quantità, dopo che l’utente avrà corretto i dati da quel momento in poi non commetterà più errori con lo stesso alimento. Purtroppo, al momento non sono disponibili ulteriori dettagli sul nuovo algoritmo, dato che Google è tutt’ora coinvolto nel procedimento per ottenere la patente dello stesso.

E per quanto riguarda la sua precisione, si fa sapere che continuerà a migliorare con il passare del tempo e che, secondo quanto affermano dalla stessa Google, se funziona bene almeno nel 30% dei casi, questo sarà sufficiente perché le persone inizino ad utilizzarlo, per raccogliere dati su grande scala e per migliorarlo progressivamente. L’idea è quella di aiutare le persone a tenere un diario fotografico della loro alimentazione permettendogli di calcolare più facilmente l’apporto calorico, ma anche quella di raccogliere dati scientifici che fino ad oggi erano difficili da reperire.

Fonte: PopularScience

16 giugno 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Un algoritmo che calcola le calorie di un piatto
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...