lunedì 13 aprile 2015

Cuba: VIP e politici statunitensi in coda per visitarla



Secondo un articolo pubblicato in questi giorni dal quotidiano spagnolo El País, in questo momento sarebbero tanti i personaggi importanti negli Stati Uniti che sognano di visitare l’isola quanto prima.

Nell’articolo viene citato un comico statunitense, Conan O’Brian, il quale ha recentemente trasmesso in diretta il primo “late night” girato sull’isola negli ultimi 50 anni. Nel suo programma l’artista nordamericano saliva dal ristorante La Guardia, nella città dell’Avana, e ne approfittava per sostare alcuni minuti davanti alle foto degli altri personaggi famosi che sono passati di qui ultimamente.

Si vedono le foto di Beyoncé e Jay Z, quella di Kevin Spacey, Naomi Campbell e Jack Nicholson.
Il comico nordamericano si definisce come parte della prima ondata di arrivi ma garantisce che presto ne arriveranno molti di più di VIP statunitensi. 

E che negli Stati Uniti stia crescendo la febbre per Cuba lo dimostra il fatto che le compagnie aeree stanno facendo i preparativi per aumentare i voli charter da e per l’isola da diverse città, inclusa New York. Presto si crede che si inizierà anche a stabilire i primi voli regolari diretti verso Cuba, anche se sarà necessario camuffarli all’interno delle categorie permesse: intercambi culturali e religiosi.

Nel frattempo, chi non ha atteso un minuto di più prima di decidere di andare a Cuba sono stati i politici statunitensi. Da dicembre, dopo l’annuncio della distensione, sono atterrati a centinaia. Senatori, congressisti e governatori vanno e vengono costantemente dall’isola insieme a vari rappresentanti delle associazioni di imprenditori statunitensi che naturalmente non vogliono perdersi neppure un grammo della fetta di opportunità economiche che promette la nuova apertura.

Negli Stati Uniti anche le librerie si stanno attrezzando per approfittare di questo nuovo clima di distensione, creando apposite sezioni dove si possono incontrare libri specifici che possono risultare utili a chi sta pensando di visitare Cuba. “Politics and prose” è un esempio di questo, una delle storiche librerie della città di Washington dove si può incontrare un banco sul quale ci sono diversi libri e guide turistiche e un cartello pubblicitario che recita: “Cuba! Leggi questo prima di partire”.

Certo, la fine dell’embargo sembra ancora lontana e nessuno azzarda previsioni certe in merito a quando potrà prodursi. Tuttavia, ognuno di questi piccoli segnali fa sperare che le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti potranno solo continuare a migliorare nei prossimi mesi. 

Infatti, anche la diplomazia europea si sta muovendo in tal senso, insieme ai rappresentanti politici dei singoli stati. Anche l’Italia infine ha inviato il suo Ministro degli Esteri sull’isola alcune settimane fa e subito dopo è atterrato il Rappresentante degli Esteri della UE, la nostra Mogherini.

13 aprile 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Cuba: VIP e politici statunitensi in coda per visitarla
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...