martedì 31 marzo 2015

Le tasse negli Stati Uniti: 9 stati a fiscalità agevolata




Pensando agli Stati Uniti viene spontaneo credere che si tratti di una nazione omogenea anche a livello fiscale e che in ogni stato dell’unione si paghino le stesse tasse. Non è così, anzi, le differenze tra uno stato e l’altro sono spesso molto significative.

Un interessante articolo apparso recentemente nel sito Business Insider fa il punto della situazione e ci informa di quali sono gli stati dell’unione nei quali si pagano meno tasse sul reddito. Il risultato è che gli stati più “morbidi” dal punto di vista fiscale sono i seguenti 9:

1. Alaska

L’Alaska è al primo posto in quanto non applica nessun tipo di tassazione statale sul reddito dei suoi residenti e inoltre offre diversi benefici come per esempio l’esenzione dal pagamento delle imposte sulla proprietà alle persone della terza età. Il lato negativo è dato dal fatto che vivere in Alaska non è per nulla facile, dato che da quelle parti gli inverni sono particolarmente pesanti e lunghi però, è uno degli stati dell’unione con il più alto reddito medio procapite, oltre i 60 mila dollari annuali.

2. Florida

Anche la Florida gode di un regime di bassa tassazione anche se per contro impone tasse molto alte sulla proprietà e il 6% di valore aggiunto (nostra IVA) su tutti i prodotti e servizi acquistati. Inoltre, il reddito medio procapite è in Florida di circa 47 mila dollari, uno dei più bassi. 

3. Nevada

Potrebbe non risultare una sorpresa che il Nevada non imponga nessun tipo di tassa sul reddito delle persone fisiche, dato che questo stato è la capitale del gioco d’azzardo. Infatti, lo stato dell’unione che è famoso per i casinò di Las Vegas si finanzia soprattutto attraverso l’imposta di valore aggiunto sugli scambi commerciali (IVA) che qui è del 6,85%. I turisti sono coloro che maggiormente contribuiscono a finanziare le casse dell’amministrazione locale del Nevada. 

4. New Hampshire

Anche nel New Hampshire non si pagano tasse statali sul reddito delle persone fisiche ma si viene tassati se si beneficia di redditi da capitale (capital gain tax). Sono esenti solo i redditi sotto i 2.400 dollari (persone singole) 4.800 (coppie). Inoltre, lo stato compensa le entrate mancanti con una imposta fissa per le società pari all’8,5% del reddito. Il New Hampshire impone anche una pesante tassazione sulla proprietà.

5. South Dakota

Il South Dakota è il solo stato del “midwest” che non applica tasse ai redditi delle persone fisiche ma si finanzia soprattutto attraverso l’imposta del 4% sulle vendite di prodotti e servizi (IVA). 

6. Tennessee

Anche il Tennessee non applica tasse ai redditi da dipendente ma si finanzia attraverso la tassazione su interessi e dividendi, redditi da capitale (capital gain). L’imposta di capital gain in Tennessee è del 6% fissa, e il tetto di esenzione è di 1.250 dollari per i singoli e 2.500 per le coppie. Inoltre, il Tennessee applica una imposta di valore aggiunto del 7%.

7. Texas

Il Texas non tassa i redditi da dipendente ma applica una imposta di valore aggiunto del 6,25% oltre a tasse specifiche sull’acquisto di veicoli a motore e carburanti e tasse sulla estrazione di gas naturale e idrocarburi. 

8. Washington

Lo stato di Washington non tassa il reddito da persona fisica ma impone una tassa molto pesante sulla compravendita di immobili, pari al 9,5% in alcune aree. Inoltre, le attività commerciali di ogni tipo sono tenute a pagare l’1% fisso d’imposta sul reddito lordo anche quando l’attività è in perdita.

9. Wyoming

Anche il Wyoming non tassa i redditi ma si finanzia attraverso l’imposta di valore aggiunto (IVA) del 4% su tutte le operazioni commerciali. Inoltre, lo stato applica una tassa del 9,5% alla proprietà immobiliare.

Le tasse negli Stati Uniti


Come si può vedere le tasse negli Stati Uniti variano parecchio da uno stato all’altro. Non esiste un IVA generale uguale per tutti e soprattutto, questo va sottolineato, il fatto che alcuni stati non applichino tasse locali al reddito delle persone fisiche non significa che non si debbano pagare quelle nazionali. 

Infatti, quelle nazionali sono spesso un tale fardello che spinge sempre più cittadini statunitensi residenti all’estero a rinunciare alla cittadinanza per evitare di pagare anche quando vivono ormai da anni fuori dal paese. E sì perché, la terra della libertà, della democrazia e della giustizia dove ognuno ha la possibilità di realizzare i suoi sogni è anche la nazione la cui Agenzia Tributaria (IRS) ti impone di pagare una parte di tasse sul tuo reddito anche se vivi legalmente all’estero da anni per il semplice fatto di essere un cittadino Statunitense.

31 marzo 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Le tasse negli Stati Uniti: 9 stati a fiscalità agevolata
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...