martedì 24 febbraio 2015

Mollare tutto e fuggire all’estero: Lo fanno anche i più ricchi



Secondo un articolo pubblicato dal quotidiano inglese The Guardian in occasione dell’ultimo World Economic Forum tenutosi il mese scorso a Davos, in Svizzera, anche i più ricchi gestori di Hedge Funds e fondi speculativi tra i più gettonati a Wall Street, si starebbero preparando per mollare tutto e fuggire all’estero.

L’articolo pubblicato da The Guardian riporta le parole di un insider, tale Robert Johnson, il quale avrebbe un curriculum di tutto rispetto avendo lavorato per lo stesso George Soros oltre ad essere il presidente di uno dei cosiddetti Think Tank- l’Institute of New Economic Thinking. 

Questo signore afferma che a causa della crescente instabilità sociale e dell’enorme divario economico tra poveri e ricchi in crescita nei paesi occidentali, molte delle persone più ricche del mondo non si sentirebbero più sicure continuando a vivere dove si trovano attualmente. Inoltre, afferma anche che le prospettive per l’economia mondiale non sarebbero molto positive così come non lo è il feedback che le persone ricevono dai loro rappresentanti politici. Infatti, tutto l’establishment politico, ovunque in occidente, sembra preoccuparsi esclusivamente di ottenere più denaro e utilizzarlo per fare ancor più denaro per se stessi invece di occuparsi dei propri cittadini.

Con questa prospettiva all’orizzonte, e forse anche conoscendo ulteriori dettagli che per ovvi motivi queste persone non intendono condividere con la grande massa, le persone più ricche del mondo traggono le conseguenze e si preparano per trasferirsi a vivere all’estero in luoghi remoti, acquistando delle grandi proprietà agricole. 

Il dato interessante è infatti che il paese più richiesto sarebbe la Nuova Zelanda, dove molti di questi individui avrebbero già acquistato diverse fattorie con annessa pista di decollo per atterrare con il loro aereo privato. Ma vi sono altri che segnalano che molti di questi signori scelgono anche di acquistare delle proprietà agricole, sempre con aeroporto privato annesso, in alcuni paesi dell’America Latina come il Cile, l’Argentina, l’Uruguay e il Paraguay.

Più che trasferirsi a vivere all’estero queste persone sembrano in procinto di mollare tutto e fuggire. Un atteggiamento che è proprio di chi teme il verificarsi di qualcosa di grave nel breve e medio periodo. Di cosa hanno paura queste persone?

Spulciando in alcuni siti sudamericani, soprattutto quelli di agenzie immobiliari dell’Uruguay e dell’Argentina, mi sono accorto che negli ultimi tempi c’è una forte richiesta di proprietà agricole molto grandi nelle zone rurali, le quali contemplino allevamento e coltivazione di cereali e/o frutta. E guarda il caso, molti dei clienti sarebbero proprio ricchi finanzieri nordamericani ed europei che ne valutano l’acquisto non tanto per investimento ma per trasferirsi a vivere in campagna lontano da tutto e tutti. Significherà qualcosa?

Se desiderate approfondire il tema vi lascio di seguito alcuni link di siti nei quali si parla più approfonditamente del tema. Sono in inglese, così avete l'opportunità di praticare anche la lingua.


24 febbraio 2015

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Mollare tutto e fuggire all’estero: Lo fanno anche i più ricchi
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...