giovedì 21 novembre 2013

Varadero: Cuba tra l'antico e il nuovo




L'antico ed il nuovo si danno la mano in una eterna estate di palmeti ed acque tiepide.

Varadero è senza dubbio una delle spiagge più conosciute ed amate dei Caraibi. Sono migliaia infatti i turisti che ogni anno visitano l'isola dell’eterna estate per godere delle sue spiagge di sabbia bianca e fine e dell'acqua del mare, cristallina e sempre calda.

Varadero si trova nel distretto di Cárdenas, la città più vicina dove vive la maggioranza delle persone che lavora nei gruppi alberghieri della zona. È un peccato andare a Varadero per chiudersi nei suoi hotel senza mai uscirne. Cárdenas, la città dei ponti, ha un suo fascino tutto particolare.

L'architettura è prettamente coloniale, e questo, le conferisce un aspetto romantico, antico, memorabile...

Chissà forse è per questa ragione che molti dei grandi poeti cubani provengono da questa città ... non ci si potrebbe aspettare di meno da un luogo che manifesta tutta la sua memorabile decadenza.


Tornando a Varadero, ci imbatteremo in una interminabile catena di Alberghi, dai più importanti e rinomati 5 stelle: Barceló e Meliá, fino ai più modesti ed economici situati in una parte della spiaggia meno fortunata.

Nella parte più attiva della cittadina si incontrano tanti negozi di souvenir e artigianato locale, anche se procedendo di qualche isolato si arriva al mercatino locale dove i prezzi sono molto più accessibili e sempre trattabili.

Tra un hotel e l'altro (gli hotel più grandi e costosi sono tutti sulla spiaggia sull'altro lato della strada) incontriamo i più conosciuti ristoranti dove sarebbe un peccato non approfittare per mangiarsi un "arrozmoro" (risotto nero), "langosta" (aragosta) o la “carne de cerdo asada" (maiale alla piastra). "Las chicharritas" o la "yuca con mojo" (banana fritta e yucca in salsa piccante), e per terminare i dolci "cascos de guayaba y flan" (la guayaba è un frutto tropicale locale ed il flan è il nostro creme caramel). Per terminare un caffè Cubita o un sorso di Havana Club, il noto rum locale.


Per animare la notte la maggioranza degli hotel dispongono di discoteche e locali nei quali regnano sovrani la "Salsa" ed il "Reggaeton" per i più giovani ed atletici. La notte è lunga e così possiamo approfittarne per sorseggiare un buon Daiquirí, un Mojito o un Havana Libre. I più azzardati possono lanciarsi con un "España en Llamas".


Il mare, normalmente ( a parte l'epoca degli uragani tra luglio e settembre) è sempre calmo e tiepido. È comunque consigliabile non viaggiare in agosto anche perché le temperature sono davvero torride, si rischierebbe di passare tutta la vacanza chiusi nella camera in compagnia del condizionatore.

Anche se esistono taxi e minibus è consigliabile, almeno una volta, noleggiare il calesse a cavallo che ci porta a fare il giro della località.

Varadero conta anche con un aeroporto locale dove arrivano voli diretti da tutto il mondo, e prenotando con anticipo si possono trovare pacchetti “tutto incluso” davvero convenienti.

Il momento in cui ci tocca abbandonare questo lembo di terra paradisiaco ci entra la nostalgia e iniziamo già a chiederci quando potremo tornarvi....speriamo presto...


21 novembre 2013

CONDIVIDI

E se vuoi continuare a leggere...

Varadero: Cuba tra l'antico e il nuovo
4/ 5
Oleh

RICEVI LE NOVITÀ

Un punto di vista differente...